Ora crochi

Scatta l’irrigatore in un quadrato d’erba
tra ricami di mura e campanili d’ombra
poi si rivolge al cielo senza alcuna espressione,
nella ricchezza involontaria che cresce:
sensi di colpa, intima rassegnazione
battaglie sublimate in giardino

prima c’erano viole e ora
crochi, gialli e dritti nel sole
nati da una fitta d’orgoglio
nutriti d’insolenza

e semina un ronzìo subliminale
una leggera potenza di vita
sincronica nebulizzata razionata
precisa in assenza di vento

occhio non sente e orecchio non vede
dentro un corpo in disparte
che macina resti di pensiero
nello stomaco arreso: languore,
esito di un ricordo dietro il lancio dell’acqua,
difetto di ragione che rincorre vita
al fondo dell’umido

trascura i germogli e i fili d’erba teneri
gli inizi, le speranze

This entry was posted in scritti personali and tagged . Bookmark the permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *